OLGIATA. TORQUATI (PD): “QUEL PASTICCIACCIO DEL PUNTO VERDE QUALITA. COMUNE RESPONSABILE’”

“Leggere la sentenza del Consiglio di Stato, e ancor prima le sentenze del Tar, aiuta a comprendere l'ingarbugliata vicenda del Punto verde qualità di Olgiata e del suo depuratore.

Nel 2015 l’Amministrazione capitolina dispone la decadenza dalla concessione della s.r.l. "Olgiata Verde" per il mancato pagamento delle rate dei finanziamenti agevolati di cui beneficiava e in base all’art. 7 della convenzione stessa ha acquisito tutto al patrimonio comunale. Nelle more dell’individuazione del nuovo concessionario, in via provvisoria, concede ai vecchi destinatari di continuare la gestione imponendo un canone di oltre 80 mila euro al mese.

A fronte di ciò, cambia anche il modello autorizzativo per il depuratore: se prima la responsabilità dello stesso ricadeva sui vecchi concessionari, garanti di tutti gli esercizi commerciali, dal 2015 ricade su Roma Capitale essendo divenuto tutto patrimonio indisponibile dell'Amministrazione. Questa diventa infatti deputata a chiedere le autorizzazioni all’ente che le concede, ovvero la Città metropolitana: entrambi gli enti, faccio notare, sono governati dalla stessa Sindaca.

Per 4 anni quindi, Roma Capitale e Roma Città Metropolitana si sono rimpallati le responsabilità su queste autorizzazioni: alcuni esercizi commerciali, che pagavano l’affitto al Comune di Roma, hanno trovato nel frattempo altre sedi, come il McDonald's, mentre altri hanno fatto appello al Tar. Risultato: Roma Capitale ha perso introiti e il Punto verde Qualità e potrebbe perdere realtà significative come il Comitato 15 della Croce Rossa Italiana che lì ha la sede e che si inaugurò proprio nel 2015. Comitato che ricordo ha anche ristrutturato i locali e oggi è in prima linea nella lotta alla pandemia, ma lo è stato anche per emergenze passate come l’alluvione di Prima Porta nel 2014.

E’ del tutto evidente in questi anni la timidezza dell’amministrazione municipale, risultata completamente nulla, e la totale incompetenza e mancanza di responsabilità di quella comunale che rischia di disintegrare un lavoro di anni che non solo ha messo ordine ad un passato a dir poco confuso, ma ha anche migliorato la qualità del quadrante grazie all’opera di centinaia di volontari che rendono la struttura utile per la nostra società.

Le sentenze parlano chiaro e non sarebbero state necessarie: il depuratore è di proprietà dell'Amministrazione centrale, deve essere preso in carico dal Dipartimento di Roma Capitale e poi gestito, come sanciscono tutte le leggi vigenti tra cui il Decreto Legislativo 152/2006, da ACEA per conto di dell’amministrazione capitolina.

Roma Capitale non indugi oltre e faccia il suo dovere nel più breve tempo possibile per salvaguardare le persone che lavorano negli esercizi commerciali e il presidio di volontariato su cui non abbiamo nessuna intenzione di fare un passo indietro”.

Così in una nota Daniele Torquati Capogruppo del PD del Municipio Roma XV

Proposta di Risoluzione PVQ Olgiata - Depuratore RIS PVQ Olgiata - Depuratore

Carica altri contenuti...

Per continuare la navigazione del sito, acconsenti all'uso dei cookies. Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "Accetto i Cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetto", qui di seguito, per acconsentire.

Chiudi